Vai ai contenuti

Fortezza di Civitella

Pacchetto turistico

I calendari regionali nazionali ed internazionali di running ed altro

Escursione alla Fortezza di Civitella del Tronto

Partenza

Quest'anno a grande richiesta si può tornare a visitare la storica quanto suggestiva Fortezza di Civtella del Tronto e borgo antico della città. Ognuno di voi può, in maniera autonoma, con i vostri mezzi, fare visita all'antica fortezza di Civitella del Tronto. Potete rivolgervi anticipatamente (almeno una settimana prima) all'organizzazione che vi potrà far avere i pass gratuiti per la visita alla fortezza con la guida. E' consigliabile partire o la mattina del sabato o non più tardi delle ore 14,30. Per questa gita non sono previsti pulma organizzati


Cenni di storia sulla Fortezza

Rovine della Fortezza

La Fortezza di Civitella del Tronto è una delle opere di ingegneria militare più imponenti sorte sul territorio italiano; con i suoi oltre 500 metri di lunghezza e i 25.000 metri quadrati di superficie complessiva, la struttura rappresentava un baluardo insormontabile per i nemici ai confini settentrionali dei vari Reami napoletani.
Tutta l’importanza di Civitella risiedeva nella decisione presa, intorno alla fine del XIII secolo, dagli Angioini - dominatori del Sud Italia - e dai papalini di posizionare a pochi chilometri da noi il confine fra Regno di Napoli e il nascente Stato pontificio; questo motivo di carattere geografico, unito alla natura aspra dei luoghi che rendeva assai facile fortificare Civitella, fece del nostro paese, nel tempo, uno dei punti strategicamente più importanti per il controllo dei confini e delle dogane settentrionali.


Piazza d'Armi

La Fortezza, così come strutturata oggi, nasce comunque più tardi, esattamente a partire dal 1559 (dopo, quindi, la vittoriosa resistenza ai soldati francesi capitanati dal Duca di Guisa), sotto il regno di Filippo II di Spagna: le preesistenti fortificazioni angioine ed aragonesi vengono completamente demolite in quanto superate dalle nuove tecniche militari d’assedio (l’uso, cioè, dei cannoni) che necessitavano, come risposta, di mura di cinta molto spesse ed inclinate per attutire l’azione dirompente della palla di ferro.

Borgo interno Fortezza
cisterna d'acqua piovana
rua dìacqua piovana

Corsa di San Martino | Informazioni Gara km 15 | Pacchetto turistico | Mangialonga Run km 5 | Camper in corsa | Foto Album | Video Corse | Area Stampa | 1° Run For Marathon | Contatti | Mappa del sito

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu